Marco Fabbri, vicepresidente del Club L'inguaribile voglia di vivere, ha ritirato il premio "Marco Biagi" per la solidarietà sociale. Assegno di mille euro per aiutare le persone malate e disabili a realizzare i loro sogni.
La cerimonia pubblica si è tenuta il 18 marzo 2015, presso la sede centrale de Il Resto del Carlino, a Bologna, alla presenza del direttore Andrea Cangini e del ministro Gian Luca Galletti.

Il vicepresidente Marco Fabbri con l'attestato del premio "Marco Biagi"

Premio "Marco Biagi" - Il gruppo dei premiati

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

Sebastiano Marrone"...è giunto il momento di sciogliere le vele. Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede...." (San Paolo)

Cari amici dell'Inguaribile Voglia di Vivere, martedì, 19 marzo, il nostro carissimo amico Sebastiano Marrone ha spiegato le vele per l'ultimo viaggio. La figlia Dafne e la famiglia ci chiede di accompagnarlo con la preghiera e un pensiero...

Ciao capitano...
Ciao Sebastiano!

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

Pubblichiamo di seguito il discorso che il Sindaco di Castel Rozzone (BG) ha pronunciato durante l'incontro del 9 marzo 2013, seguito da alcune foto scattate durante l'evento.

È con vero piacere che, a nome della Comunità di Castel Rozzone e dell'Amministrazione Comunale che rappresento, sono a porgere il saluto al Sig. Presidente Massimo Pandolfi, ai componenti del Consiglio Direttivo, agli Associati, parenti e amici del Club "L'inguaribile voglia di vivere". Un nome che trasmette l'entusiasmo e la caparbietà che ne hanno caratterizzato la costituzione e che sono indispensabili per affrontare con il giusto spirito e determinazione la possibilità di avere e condurre un'esistenza normale, fatta di gesti quotidiani e di azioni semplici per dimostrare che la disabilità non è sempre sinonimo di impossibile o di irrealizzabile. La capacità di apprezzare molte più cose della vita, anche con il sorriso sulle labbra e la soddisfazione di riprenderla pian piano attraverso ogni risultato positivo raggiunto, perché è impensabile non volerla vivere tutta.È lodevole l'impegno che gli associati si sono assunti per far conoscere e diffondere i valori che stanno alla base della loro attività e che devono continuamente essere alimentati, anche per creare una cultura più attenta nel prossimo. Una cultura che incoraggi il rispetto e la promozione vera del primato della persona, per renderla protagonista e non solamente utente, passando attraverso la valorizzazione delle associazioni: esse, come il mondo del volontariato in generale, sono chiamate in causa per sostenere le situazioni di difficoltà nei confronti delle famiglie che si sentono più vulnerabili.Spesso nell'emergenza nasce l'illusione che sia possibile risolverla scappando o sognando un mondo totalmente diverso e più il disagio è grande più aumenta l'attesa di qualcosa d'altro.Ma la risposta alle preoccupazioni di fronte all'incertezza va riscoperta nella vita di ogni giorno, vivendola bene e con dignità, non uscendone.Il vero cambiamento consiste nel prendersi cura della persona e nel comprendere come il benessere e la salute sono beni comuni dell'intera società, valori in continua crescita e non esauribili che indicano chiaramente il grado di civiltà di un paese, di una città, di una Nazione, che ne condizionano le scelte e che la identificano come giusta e degna.Nonostante oggi l'uomo sia immerso e circondato da una fitta rete di relazioni e di comunicazioni, appare spesso un individuo isolato, ma sentire la vicinanza e l'affetto dell'altro è importante in ogni momento della nostra vita perché nessuno può vivere solo e senza sostegno, che sia giovane o che sia anziano, risorsa infinita di saggezza e di esperienza di vita.Grazie per l'opportunità che ci offrite oggi di riflettere sui temi della disabilità e della malattia, condizioni che portano a sviluppare altre sensibilità; grazie per la testimonianza che ci date, esempio di amore, coraggio e dignità che traspare da ogni vostro singolo gesto.L'augurio che mi sento di esprimere è che da iniziative come queste possa scaturire un messaggio di fiducia e speranza per chi è in difficoltà e di impegno civile per ciascuna persona, per le istituzioni e per la società intera.
  • Castel-Rozzone_1
  • Castel-Rozzone_2
  • Castel-Rozzone_3
  • Castel-Rozzone_4
  • Castel-Rozzone_5
  • Castel-Rozzone_6
  • Castel-Rozzone_7
  • Castel-Rozzone_8
Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"